Negroni, oltre 100 anni e non dimostrarli

28 Gennaio 2022

Continua il nostro viaggio in giro per il mondo alla ricerca dei brand italiani di successo.
Oggi raccontiamo la storia, di oltre 100 anni, del cocktail più amato al mondo.
Partiamo dal racconto, che deve la nascita di questa bevanda al conte Camillo Negroni. Nato a fine ‘800, viaggiatore, uomo di mondo, viveur e gran spadaccino, il Conte era uno dei protagonisti della società fiorentina degli anni ’20. Per l’aperitivo frequentava abitualmente il caffè Casone di Firenze (oggi purtroppo sostituito da una bottega dell’alta moda); una sera, desideroso di sperimentare qualcosa di originale, chiese al barman di modificare l’aperitivo Milano-Torino – a quel tempo in voga nell’alta società fiorentina – realizzato con il vermouth torinese e il Campari, già allora simbolo della città di Milano. Fece aggiungere del gin – per dare più corpo alla bevanda ma senza mutarne il caratteristico colore – e la fetta di arancia sul bicchiere. Tre ingredienti che hanno dato vita, quasi per caso, a uno dei cocktail più famosi del mondo e vero simbolo di eleganza ed italianità.

Il cocktail più amato al mondo

Il Negroni, pochi giorni fa, si è imposto al vertice della classifica di Drink’s International, stilata dai migliori bar tender del mondo, superando molti altri blasonati competitor internazionali. Un primato al cocktail, ma anche agli elementi che lo compongono, il vermouth, il Campari e lo stile, tutto molto italiano.

Campari Negroni, Ready to enjoy

Nell’etichetta del Campari Negroni Ready to enjoy, che riproduce la stessa ricetta dell’iconico cocktail, ritroviamo tutta la storia della bevanda, a partire dal volto del suo creatore, il Conte Camillo Negroni. Un lavoro che RBA Design ha realizzato grazie all’esperienza che ha maturato in questo settore, che ha imparato a capire e interpretare, contribuendo a portare il messaggio dello stile italiano nel mondo, evidenziandolo attraverso il packaging.

© Rba design 2022 – P.IVA 11357690152